Mar 27, 2014

Arched Shaped Socks

Arched Shaped Socks


      To be or not to be... a stasher? (Sorry Will, didn't mean to.)
      I for one, am a "reformed" stasher. I used to buy a lot of yarn, because it was pretty or just in case. But as I'm not a very good planner I often ended up with three quarters of a sweater or a sweater and a half and I don't need that many hats. So, slowly and painfully, I managed to reduce my stash only to be left facing another problem.

      Do you know those evenings, maybe after having finished a project, when you can't wait to start another one, your fingers tingling? Not having yarn laying around can be quite painful. Living in a small provincial town, as I do, doesn't leave you that many options. The local shop or the internet. The internet is such a wonderful thing but to get a good yarn cost /delivery cost ratio or maybe free delivery you have to spend lots. Which is fine if you have to order yarn for some projects (more then one) you already planned for ... buying two skeins of yarn and spending more in shipping than for the yarn itself is not very wise. Isn't it? Furthermore, here in Italy, between order processing, transit times and the actual delivery, you could wait for your yarn, days, weeks or even a month - if you had the unfortunate idea to buy from outside the EU.

      So let's pray the local shop is open 'cause I have an itch in my fingertips and I'm still waiting for my yarn to clear the customs. But the local shop, my local shop, is a downer. Welcome to "acryliclandia"! I am a wool gal and in the wool department what they have to offer are a few yarns from Mondial and Mafil and I don't really know them.

      Without the help of internet reviews (couldn't find one) I decided to live “dangerously”…


… and try "Gioia" from Mafil. It's cheap but it's 100% decatised merino wool. At fingering weight and 4 ply is not very twisted and easily separates into strands, so if you do something wrong and you have to undo your work, better throw away that piece of used yarn: you ain't gonna work it well again.

      To test it I chose Elizabeth Zimmermann's "Arched shaped socks" published by Meg Swansen in Vogue Knitting - The Ultimate Sock Book. It's not the easiest pattern to follow but the design is beautiful. "Gioia" must be less thicker than the recommended yarn (see project details on Ravelry) so I had to use larger needles (3.5 instead of 3.25) to get the gauge. Retrospectively I should have used the smaller needles because the socks are a little large and maybe long, for my feet.



      I tried, for the first time, to do colorwork using the "around the neck" knitting style and as you can see there are some parts where my tension is out of whack and others where, without realising, I switched the entry direction for the foreground and the background yarn. My own beginner mistakes aside, I like this method for doing colorwork; for a continental knitter I think it's faster.

      As you can see above, I kinda fudged the “turn heel” part…

      On one hand I'd like to try knitting this gorgeous pattern again, with a different, better?, yarn but knowing myself I think it's not likely; I'm having some trouble already avoiding the second sock syndrome as it is. On the other, I'm curious to see how this yarn holds in time…

... and I'm especially curious to hear from you ... Are you a stasher, or someone who buys (yarn, fabric, whatever), "per project"?

Thank you for visiting. I love getting comments and always visit links when available.

Calzini ad Arcate


      Essere o non essere una stasher? ( Scusa Will, non volevo.)
      La “stasher” è colei che tende ad accumulare una discreta quantità di lana, tessuto e chi più ne ha più ne metta, (un po’ come una sorta di criceto industrioso) - ed io sono una stasher "riformata". Ero solita a comprare tantissima lana, perché mi piaceva o soltanto per ogni avvenenza. Ma come non sono molto brava a pianificare finivo spesso con tre quarti di maglione o un maglione e mezzo e non ho bisogno di così tanti capellini. Perciò piano piano e faticosamente sono riuscita a ridurre il mio stash solo per trovarmi a dover affrontare un'altro problema.

      Avete presenti quelle sere dopo aver magari finito un progetto, quando non vedi l'ora di cominciare un altro, un'impaziente formicolio nelle ditta? Non avere della lana in giro per casa può essere persino doloroso. Vivere in una piccola città di provincia, come me, riduce molto le possibilità. Il negozietto del paese oppure l'internet. L'internet è una cosa meravigliosa ma per ottenere la spedizione gratuita devi spendere una cifra avvolte impegnativa, il che va bene se devi ordinare la lana per dei progetti (più di uno) già pianificati... comprare due gomitoli di lana e spendere più di spedizione che per la lana stessa non mi sembra molto saggio. O no? Per di più, tra tempi di evasione dell'ordine e tempi di consegna bisogna aspettare qualche giorno, settimana o addirittura un mese - se hai avuto la sfortunata idea di comprare da fuori UE.

      Allora speriamo che il negozietto del paese sia aperto che ho le ditta che mi prudono e sto ancora aspettando che la mia lana lasci la dogana. Ma il negozietto del paese, del mio paese, mette tristezza. Benvenuti nell'"acriliclandia". Io amo la lana non la plastica e di lane loro ne tengono ben' poche. Qualcosetta da Mondial e da Mafil ... e non le conosco. Senza l'aiuto di recensioni su internet (non ne sono riuscita a trovare) decido di vivere “pericolosamente”…


…e provare "Gioia" da Mafil. E’ economica ma 100% lana merino decatizzata. Di categoria "fingering" e a 4 capi non è molto ritorta e lavorandola si separa facilmente in fili perciò se si sbaglia e bisogna disfare si fa un po' di fatica a lavorarla nuovamente e per quel’ che riguarda l'uncinetto dev'essere un piccolo incubo.

      Per provarla ho scelto gli “Arched shaped socks” creati da Elisabeth Zimmermann e pubblicati da Meg Swansen in Vogue Knitting - The Ultimate Sock Book. Non è lo schema più facile da seguire ma il design e bellissimo. “Gioia" dev’essere un filato più sottile di quello raccomandato nello schema (vedi i dettagli del progetto su Ravelry) perciò per ottenere il campione ho dovuto usare dei ferri più grossi (3.5 invece di 3.25). A pensarci dopo forse avrei dovuto usare quelli con un diametro inferiore visto che i calzini sono venuti un po’ grandini per le mie gambe.



      Ho provato per la prima volta di lavorare nello stile “portoghese” - con i fili attorno al collo. Come penso si possa vedere non sono riuscita a tenere molto costante la tensione e senza rendermi conto ho anche invertito un paio di volte le direzioni di entrata tra il filo di sfondo e quello del motivo. Lasciando a parte i miei errori da principiante, mi piace questo stile di lavorazione e penso sia un modo più veloce di lavorare con più colori, per chi usa il metodo Continental.

… Ecco come ho pastrocchiato i talloni!


      Da una parte mi piacerebbe lavorare nuovamente questo schema con una lana diversa, migliore?, ma conoscendomi e sapendo che già faccio fatica ad evitare la sindrome del secondo calzino penso sia un po’ difficile. Dall’altra, sono curiosa di vedere come reggerà questa lana nel tempo.

… e sono sopratutto, curiosa di sapere voi cosa siete: delle stasher oppure preferite comprare a seconda del progetto?

Grazie della visita. Adoro ricevere commenti e visito sempre i link quando ci sono.

Mar 19, 2014

Self-Drafted Pleated Tweed Skirt

Self-Drafted Pleated Tweed Skirt - Athína Skirt


      This is the sketch I made of a 1957 Hubert de Givenchy dress.

      When I saw it I just loved the pleating and the unusual line. I loved it but it was not something I could make or wear. Then at an exhibition opening I saw a girl wearing a skirt that sort of reminded me of the Givenchy dress but upside down. I sketched it quickly (on the invite) and when I got home I redraw it and started wondering if I could make it. I had nothing to go on (besides the sketch) so I figured I should read a book.

       After an extensive search on amazon I decided to buy Patternmaking for Fashion Design by Helen Joseph Armstrong. It was kinda pricey but it was a fifth edition (so it must be good), it had glowing reviews (I decided to ignore the one about it not being for beginners…), and the magic word “design” in the title.

      It took me a month to learn how to draft a basic skirt sloper, how to adjust the sloper to fit my my measurements and how to modify it to fit my drawing. It took me some more to figure out on my own how to sew it, to make a muslin and to actually make it. But here it is... one could never imagine by seeing it that in my mind all started with a Givenchy dress!


      I chose a black 100% wool plain loose twill tweed. It is quite thick although not as thick as the fabric I used for the Zoe dress but still pretty difficult to sew (with the pleats, the facings, the interfacings at the belt and hem and all) on my lowish end sewing machine. Add to that my inexperience and you get some outright wonky seams :-( !!!


      I liked the idea of an "accent" zipper so I went for it…. maybe it's too much?

      By now I think you all realised that this didn’t happen last week. There was little bit of a time lag between me doing things and me posting them (essentially due to the fact that blogging was sort of an afterthought … I had this idea that if I blabber about it I’m more likely to succeed in my “endeavours” ) - but with this post I finally caught up. I realise this is, again, a cold weather skirt and now it’s spring … but lets call it fall-winter 2014 “collection” :-).



      If you want to play with it you can download the pattern I made for myself. //available until April 10th//

      Let me know whatcha thinking … I’d be happy to hear your thoughts.

Thank you for visiting. I love getting comments and always visit links when available.

Gonna in Tweed da Progetto Personale - Gonna Athína


      Questa é un'illustrazione di un vestito del 1957 di Hubert de Givenchy.

      Vedendo il vestito mi sono innamorata della sua linea particolare modellata con l'aiuto della plissetattura e l'ho disegnato. Non era però un vestito che io avrei potuto ne cucire ne indossare. Poi, all'inaugurazione di una mostra, ho visto una ragazza indossare una gonna che ricordava una sorta di vestito Givenchy a testa in giù. L'ho disegnata velocemente (sull'invito) e una volta arrivata a casa ho cominciato a chiedermi se magari non sarei riuscita a fare una gonna simile. Purtroppo tutto quello che avevo era una bozza frettolosa e nient'altro ... Solitamente quando non so qualcosa, tendo ad aprire un libro, dunque mi toccava trovare il libro giusto da aprire.

       Dopo un'ampia ricerca nelle librerie online ho deciso di comprare Patternmaking for Fashion Design di Helen Joseph Armstrong. Libro abbastanza costoso (in inglese :(...) ma una quinta edizione (perciò per forza un buon libro), aveva delle recensioni stellari e la parola magica "design" nel titolo.

      Mi ci è voluto un mesetto per imparare a modellare una gonna base, adeguare le misure alle mie e modificarla in base al mio disegno. Mi ci è voluto un altro po' per capire come dovevo procedere a cucire, fare la tela di prova e poi cucire effettivamente la gonna. Ma eccola... ed a vederla non ci penseresti mai che sono partita da un vestito Givenchy!


      Ho scelto un tweed nero a saia semplice e trama larga in lana 100%. É abbastanza spesso, non come il tessuto che ho usato per il vestito Zoe, ma comunque spesso abbastanza per provocare (tra pieghe, rivestimenti e rinforzi termoadesivi alla cintura e all'orlo) una crisi di nervi nella mia piccola, amatoriale machina da cucire. Mescola tutto questo con la mia inesperienza e ottieni delle cuciture ubriache !!!


      Mi piaceva l'idea di una zip "accento" perciò l'ho messa ... forse è un po' troppo? Boh...

      Penso abbiate già capito che tutto ciò non è successo la scorsa settimana. C'è stata una piccola differenza per quel che riguarda le tempistiche: tra fare e postare (dovuta essenzialmente al fatto che il blogging è arrivato in un secondo tempo - ho pensato che mettermi a blaterare pubblicamente sarebbe una sorta di incentivo) - ma con questo post le due cose si sono congiunte. Mi rendo conto perciò che vi sto presentando una gonna per la stagione fredda alle porte della primavera ... chiamiamola "collezione" autunno-inverno 2014 :-) .



      Se vi volete divertire e giocarci potete scaricare il cartamodello che ho disegnato per me stessa. //disponibile fino al 10 Aprile//

      Sarei molto contenta di sapere cosa ne pensate.

Grazie della visita. Adoro ricevere commenti e visito sempre i link quando ci sono.

Mar 12, 2014

Burda Zoe Dress

Burda Zoe Dress


      For my second attempt at dressmaking I chose the Burda Zoe #8123B dress. It has a novice difficulty level and the design fitted well into my wardrobe. I used a 80% wool, 20% acrylic woven fabric (locally bought) very soft but a bit bulky, which is fine because I actually intend to wear it mainly in winter - for spring it’s just too bulky. I had to overlock (using a overlocking foot on my regular sewing machine) all edges before sewing the dress because the fabric loosely weaved was fraying like crazy.

      I cut a size 36 for the bodice and did a full bust adjustment following Christine Haynes wonderful Full Bust Adjustment Tutorial. I lengthened the bodice 3 cm at the waist and lowered the back darts. For the skirt a cut a size 38, made a hip curve adjustment and lengthened it by 4 cm (fiancee had a strong opinion on that).




      Following the Invisible Zipper Tutorial by Colette Patterns, I sewed my first invisible zipper, which due to the texture of the fabric is slightly difficult to operate, unfortunately.



      In conclusion I enjoyed very much making this dress.

      What do you guys think, do I have a “future” as a dressmaker?

Thank you for visiting. I love getting comments and always visit links when available.

Vestito Burda Zoe


      Come seconda prova sartoriale ho scelto il Vestito Burda Zoe #8123B. Ha un livello di difficoltà: principiante e stava bene con il resto del mio guardaroba. Ho usato un tessuto per l’80% lana, il 20% acrilico (comprato in un negozio di Udine), molto morbido ma forse troppo spesso - il che va bene visto che intendo indossarlo sopratutto d’inverno. Ho dovuto rifinire usando un piedino per sopraggitto tutti i bordi prima di cucire, perché il tessuto si disfaceva, letteralmente.

      Ho tagliato una misura 36 per il corpetto e ho ingrandito il busto usando il Full Bust Adjustment Tutorial di Christine Haynes. Ho allungato il corpetto in vita di 3 cm e abbassato le pinces dietro. Per la gonna ho tagliato una misura 38, ho modificato la curvatura dei fianchi e l’ho allungata di 4 cm.




      Ho montato la mia prima cerniera invisibile seguendo il tutorial di Colette Patterns. Sfortunatamente per via della texture del tessuto e un po’ difficile da operare.



      Per concludere posso dirvi che mi sono divertita molto a cucire questo vestito.
      Cosa ne pensate, ho un “futuro” come sarta?

Grazie della visita. Adoro ricevere commenti e visito sempre i link quando ci sono.

Mar 7, 2014

Red Knitted Cable Jacket

Red Knitted Cable Jacket

      This week I fiddled so much with the blog’s looks and especially works (I’m doing it all myself and I’m not what you would call a coding expert, on the contrary) .. that I got behind with my posting.

      Anyway, today is all about knitting. This is my first shot at pattern writing for knitting and was intended as a test garment. The choice of yarn was conditioned very much by the “test” part. I wanted a sturdy, affordable yarn so I chose Cascade Yarns Eco+ in 8511 Rouge (I know in the photos seems more fuchsia but is red) purchased online here. I needed 3 whole skeins to make it.

      I used the word “writing” before, quite loosely. When I finished it I realised that “scribbling” is a more appropriate word as I could not make sense of my own notes. If I were to release it as a pattern I would have to do it all again! In the meanwhile (?!), if you like how it looks, you could try this pattern from Debbie Bliss (available as a free download). It uses a much finer yarn (18-20 balls of Debbie Bliss Cashmerino dk ) and it seems to have a slightly different construction (less shaping and the front part is made from two pieces as opposed to a single piece) - to be honest I haven’t tried it.

      And now the photos:

      This is the braid pattern chart I made for it. If you like it you can download the full chart (symbols explained) as a english/italian pdf here.

Thank you for visiting! I love getting comments and always visit links when available.

Giacca Rossa a Trecce

      Questa settimana mi sono data da fare per migliorare il funzionamento del blog (faccio tutto “da me” e sto imparando facendo) … perciò sono un po’ in ritardo con il post.

      Oggi: lavori a maglia. Questo è il mio primo tentativo di scrivere uno schema per maglia e doveva essere una realizzazione test. La scelta della lana è stata condizionata moltissimo dalla parola “test”. Volevo una lana resistente ma conveniente (come prezzo) perciò ho scelto la Cascade Yarns Eco+ in 8511 Rouge (so che dalle foto sembra più fucsia ma e rossa), che ho comprato online qui. Mi sono servite 3 matasse intere.

      Prima, ho usato la parola “scrivere” in un senso molto largo.. anzi larghissimo … Dopo aver finito mi sono resa conto che una parola più adatta sarebbe stata “scarabocchiare”. Se mai mi verrà l’idea di pubblicarlo dovrò rifare tutto da capo. Mannaggia! Nel frattempo (?!), se vi piace come modello, potete provare questo schema della Debbie Bliss (disponibile in inglese come download gratuito) Utilizza una lana molto più fine (18-20 gomitoli di Debbie Bliss Cashmerino dk) e sembra essere costruito un po’ diversamente (un po’ meno modellato in vita, e la parte anteriore è composta da due parti distinte invece che una sola) - per essere sincera non l’ho provato.

      E adesso le foto:

      Questo e lo schema che ho fatto per la treccia. Se vi piace potete scaricarlo per intero (con le spiegazioni dei simboli) qui; in formato pdf inglese/italiano.

Grazie della visita! Adoro ricevere commenti e visito sempre i link quando ci sono.